A tutta testa

L'installazione rappresenta un'intelligente illusione ottica che sfrutta la riflessione di due specchi abilmente mimetizzati. Funziona sia per te sia per chi è in piedi davanti alla postazione: l'illusione è già in atto senza nessuno che la utilizzi! Osservando l'installazione, infatti, sembra essere semplicemente una porzione di stanza con un tavolo contro la parete di fondo. È possibile vedere attraverso le gambe del tavolo la parete dietro. Non c'è nulla di apparentemente insolito.

Invece di essere un tavolo normale, tuttavia, questo ripiano ha due pannelli speculari abilmente nascosti per cui ciò che sembra un tavolino è in realtà un vano con un'apertura in cima: quando si fa passare la testa dal foro, il corpo sembra scomparire. Il tavolo ha quattro gambe a vista: mentre tre sono reali, la quarta è “virtuale”, frutto della riflessione sugli specchi di due assi di legno montate sui pannelli anteriori a cui il pubblico si appoggia.
Questa illusione ottica è stata originariamente chiamata l'illusione "Sfinge" ed è stata creata da Thomas William Tobin nel tardo XIX secolo.
Gli specchi sono spesso utilizzati come parte di effetti speciali nel cinema e in televisione. Nei film di Star Wars, per esempio, gli specchi sono stati usati per creare l'illusione che il mezzo da terra di Luke Skywalker fosse sospeso dal suolo. In realtà, una scopa era attaccata alla parte inferiore del veicolo per sollevarlo da terra. Un specchio angolare nascondeva la scopa e rifletteva il terreno, proprio come gli specchi dell'installazione del museo riflettono le pareti laterali.

 

The mirrors on the side of the table reflect the pattern of the floor tiles and the walls producing the illusion that your body is missing! The illusion works for both you and for whoever is standing in front of the exhibit. When you view this exhibit from the front, without anyone standing behind the table, it appears to simply be a room with a table up against the back wall. There is nothing apparently unusual. The table has three visible legs with, presumably, the rear fourth leg concealed by the front one. You can see through the legs of the table to the wall behind. Instead of being a normal table, however, this table has two cleverly concealed mirrored panels which mean that when you put your head through the hole in the exhibit, your body seems to disappear.

This optical illusion was originally called the “Sphinx” illusion. It was created by Thomas William Tobin in the late 19th Century.

Mirrors are frequently used as part of special effects in film and television. In the Star Wars films, for instance, mirrors were used to create the illusion that Luke Skywalker’s land speeder was hovering above the ground. A broom was attached to the underside of the vehicle to lift it off the ground. An angled mirror then concealed the broom. This reflected the ground, in the same way as the mirrors in the Head Only exhibit reflects the sidewalls. In the film this created the illusion that you can see underneath the vehicle.

When you look in a mirror, the image you see is actually the reverse of your face. For example, your right ear is the left ear of your mirror image. To see your face as others see you, position two mirrors vertically almost at a right angle. You will see that your right ear is now the right ear of your reflection. Faces are not symmetrical and many are quite unsymmetrical, so the results can be very surprising!

 

Sala
Percezione